galería studio cerrillo / san cristóbal, chiapas

Reviews/Reseñas:

dustintriouble
VIDEO VISIONS dustintrouble lab of images

“Waiting for the sun”
Through a simple approach of images, the work “Waiting for the sun” explores the slow coming back to life by the lethargy of the Dionysian forces who are about to wake up.

L’opera “Waiting for the sun”, attraverso un accostamento di immagini, mette in scena il lento processo del ritorno alla vita, col letargo delle forze dionisiache che si apprestano al risveglio.

CALEIDOCORPI (literally KALEIDOBODIES)

is a project born from photo-graphic experimentation by mean of not conventional optical mediums, as a kaleidscope in this case.
The separation, the crushing of the female body intend to represent an illusionistic and anti-realistic poetic obsession in an exercise of virtuosity serial of chromatic and formal harmonies, underlining the atmosphere of choking caused by the tyrannical use of images in the contemporary society.

The works are on display at LAMERTI LAB Cagliari till July 16, 2011
Via Lanusei 7/9 – Cagliari – Italy

CALEIDOCORPI

è un progetto che nasce dalla sperimentazione foto-grafica con l’uso di mezzi ottici non convenzionali, in questo caso un caleidoscopio.
La scissione, la frantumazione del corpo femminile hanno lo scopo di rappresentare una poetica dell’ossessione di impianto illusionistico e anti-realistico, in un esercizio di serialità virtuosistica delle armonie cromatiche e formali, evidenziando così il clima di soffocamento provocato dal consumo tirannico delle immagini nella società contemporanea.

Le opere sono in mostra presso lo spazio espositivo LAMERTI LAB Cagliari sino al 16 Luglio,
via Lanusei 7/9 – Cagliari.


“Failureofaline”
is the music of the errors, the loss of linearity. All that stumbles, that gets stuck and that is repeated in a loop.

“Failureofaline” (
letteralmente guasto-di-una-linea) è la musica degli errori, la perdita di linearità. Tutto ciò che inciampa, che si inceppa e si ripete continuamente in un loop.


"FRAMMENTO PRIMO"

Suggestioni dal film 8 1/2 di Fellini.


“Antologia di poesie Pierpaolo Pasolini”

(Pierpaolo Pasolini’s poems) book trailer.
Writer: Pierpaolo Pasolini; publisher: Garzanti, Milano; actor: Fabrizio Ferracane; direction and editing: Marco Pellegrino; cinematography: Vittorio Antonacci; sounds: Roberto Casesi; year: 2009. Realized by Echo9 in collaboration with Dustintrouble.

“Antologia di poesie Pierpaolo Pasolini”

book trailer.
Autore: Pierpaolo Pasolini; casa editrice: Garzanti, Milano; interprete: Fabrizio Ferracane; regia e montaggio: Marco Pellegrino; direzione della fotografia: Vittorio Antonacci; audio: Roberto Casesi; anno: 2009. Realizzato da Echo9 in collaborazione con Dustintrouble.


ISCHA FREIMAAK y DéFONCéS by Giovanni Spadoni


"MUMI SENZA MEMORIA"

(Mumi with no memory) book-trailer.
Text: Gabriele Clima; illustrations: Chiara Carrer; publisher: Il gioco di leggere, Milano, 2010; direction and editing: Marco Pellegrino; cinematography: Federico Cau; music and sounds: Roberto Casesi; year: 2010. Realized by Echo9 in collaboration with Dustintrouble.

“Mumi senza memoria”.
Testo: Gabriele Clima; illustrazioni: Chiara Carrer; casa editrice: Il gioco di leggere, Milano, 2010; regia e montaggio: Marco Pellegrino; fotografia: Federico Cau; musica e audio: Roberto Casesi; anno: 2010. Realizzato da Echo9 in collaborazione con Dustintrouble

“Anche i fiori finti si credono veri”
(even fake flowers think to be real)
is a videoclip realized by Dustintrouble, for the band R for Rubbish.
The title is taken from a phrase contained in a Tuscan writer’s novel, Federigo Tozzi and it supports the purely aesthetic purpose of the work, through the enhancement of visual, rhytmic symphonies, liberated by the narrative code. Within the visions of another world – where nothing is real and where the framed object is fragmented and indistinguishable – all that is false blurs the conventional interpretation of reality and then “even fake flowers think to be real”.

“Anche i fiori finti si credono veri”

è un videoclip realizzato da Dustintrouble, in collaborazione col gruppo musicale R for Rubbish.
Il titolo è tratto da una frase contenuta all’interno di una novella dello scrittore toscano Federigo Tozzi e supporta la finalità prettamente estetizzante del lavoro, nella sua esaltazione di sinfonie visive, ritmiche e liberate dal codice narrativo. Nella visionarietà di un mondo altro – all’interno del quale niente appare vero e in cui l’oggetto inquadrato risulta frammentario e indistinguibile – tutto ciò che è falso tende ad annullare la convenzionale interpretazione del reale e, quindi, “anche i fiori finti si credono veri”.



Back to main page/Regresar a la página principal: VIDEO VISIONS dustintrouble lab of images

Bio/Biografía: dustintriouble

 

Web Design/Diseño Web: expomas.com